Domenica, Novembre 13, 2016 - 12:00
Ingresso: 10 €

Oggi si fa fatica a immaginarselo, perché il jazz è percepito dai più come una musica colta, persino un po’ snob: roba da intellettuali. Ma c’è stato un periodo in cui il jazz era fatto soprattutto per ballare. Un periodo abbastanza lungo, che va dai primi del Novecento alla Seconda guerra mondiale, e che ebbe il suo apice nella Swing Era, quei dieci anni – dalla metà degli anni Trenta alla fine della guerra – in cui i giovani americani impazzivano per le orchestre Benny Goodman, Artie Shaw, Count Basie, Cab Calloway, Fletcher Henderson e Glenn Miller. I Crazy Stompin’ Club nascono con lo scopo di ricreare quelle atmosfere e far divertire il pubblico a suono di charleston, lindy hop e jitterburg.

Luogo di spettacolo

Casa del Jazz
viale di Porta Ardeatina 55
Roma (RM)